26 dicembre 2017

La lobby israeliana contro Francesco Stefano Zecchinelli • 24 dicembre 2017 • 0 Commenti


Risultati immagini per Papa Francesco immagini
Foto: Corrispondenza Romana (da Google)

L’ebraizzazione forzata di Gerusalemme – città musulmana appartenente alle tre grandi religioni abramitiche – ha spinto il giornalista Israel Shamir, ebreo convertitosi al cristianesimo ortodosso, a scrivere: ‘’il riconoscimento americano della sovranità ebraica sulla città santa è un segno della vittoria finale dell’ebraismo sul cristianesimo, e bisogna dolersene profondamente’’ 1. La religione sembra entrarci ben poco – anche se il sionismo ha una pericolosissima declinazione integralista – la guerra in atto ha chiari connotati politici, conta il controllo dei mezzi di produzione, delle risorse e l’egemonia militare su scala mondiale. La lobby pro-Israele, dopo aver consumato l’Impero britannico, sta isolando l’imperialismo USA staccandolo dai suoi alleati storici. I paesi capitalistici europei, per quanto governati da corrotti senza spina dorsale, non hanno seguito le direttive di Washington. Gli USA sembrano essersi indeboliti, ma è davvero così? I palestinesi non possono concretizzare, con questi rapporti di forza, nessuna Rivoluzione democratica ed antimperialistica; l’unica soluzione sarebbe una radicalizzazione – a sinistra, con una svolta ‘’socialista islamica’’ – della Repubblica iraniana la quale dovrebbe farsi carico dei gruppi storicamente fedeli all’Asse della Resistenza nello stesso modo in cui l’Urss sostenne i movimenti antifascisti europei negli anni ’40 e i movimenti anticolonialisti e antimperialisti in tutto il mondo negli ani ‘6’ e ’70. La Jihad Islamica (da non confondere assolutamente con l’Isis, Al Qaeda o Al Nursa e altre simili formazioni), il Fronte popolare di liberazione della Palestina ed il Comando Generale diventerebbero il ‘’braccio rivoluzionario’’ di Teheran. L’Iran arriverà a tanto? Con Rohani pare difficile.
Il mese scorso, i sionisti hanno approvato una legge che dispone, nel territorio di Gerusalemme Est, l’espropriazione dei beni appartenenti ai cristiani: chiese ed altri luoghi di culto 2. I cristiani, secondo i seguaci del Talmud, sarebbero dei vampiri. Il Vaticano tollera, per davvero, d’essere umiliato in questo modo? La Chiesa romana ha sempre agito in quanto potenza imperialistica quasi autonoma; la lobby sionista – dopo aver messo sotto i piedi gli USA – vuole, con qualche resistenza interna, ripristinare il mito evangelico del ‘’giudeo-cristianesimo’’ mettendo Bergoglio con le spalle al muro. Se il vescovo di Roma non accetterà la supremazia di Tel Aviv potrebbe essere “dimesso’’ attraverso qualche scandalo costruito ad arte.
Il papa argentino ha riconosciuto il genocidio armeno, il primo massacro su larga scala del secolo scorso, mettendolo sullo stesso piano di quello ebraico. Bergoglio, anche se non è nelle condizioni di rompere con la storia (e l’inconscio) coloniale, ha messo in discussione uno dei pilastri del sionismo imperialista: l’unicità della Shoah in quanto rivolta contro il ‘’popolo eletto da Dio’’, una concezione pericolosa, essendo il nazionalismo, per dirla con Brecht, ‘’odio per la patria altrui’’. Adesso tutti sanno che il sangue degli ebrei non è più rosso di quello armeno e palestinese. La Chiesa cattolica è piena di affaristi, speculatori, pervertiti e sanguisughe, non dovrebbe essere difficile per i pennivendoli pro-Israele allestire
qualche scandalo, scaricando la colpa delle porcherie vaticane su Francesco I. La pedofilia è diffusa non solo fra i cattolici ed i fondamentalisti sunniti (wahabiti, Fratelli Musulmani ed altre sette), anche molti rabbini sono soliti abbandonarsi agli abusi sessuali usando, come garanzia d’impunità, il loro potere economico e religioso. La laicità, a differenza di quello che pensano gli intellettuali della ‘’sinistra’’ radical chic, c’entra ben poco con la cristianofobia statunitense, un paese dove, sempre citando Israel Shamir, la repressione sessuale genera disturbi psichici umilianti: ‘’La differenza tra democratici de-cristianizzati illuminati che votano Clinton in Vermont e repubblicani fondamentalisti cristiani che votano Trump in Mississippi è minima, nella razionalizzazione dei loro sentimenti e azioni. Entrambi trovano sbagliato il corteggiamento, anche se lo spiegano in modo diverso. Questo è il motivo per cui così tanti politici americani si suicidano dopo esser sati accusati di un non-reato non perseguibile, come desiderare una 17enne tanti anni prima’’. La guerra delle femministe contro ‘’l’uomo bianco’’ è – sotto diversi aspetti – una controrivoluzione sessuale di tipo evangelico, un ritorno puritano contro la ‘’new left’’ e la modernizzazione dei costumi. Soros è vecchio, non può più gestire il narcotraffico pan-planetario, Jared Kushner ripristinerà l’ordine facendo del ‘’cristiano-sionismo’’ un manganello.
Il fondatore del sionismo nazionalista, Theodor Herlz, sostenne il crudele Sultano ottomano, vendendogli il popolo armeno. Oramai abbiamo i documenti; Herlz ottenne la colonizzazione della Palestina in cambio del silenzio sui massacri rivolti contro la popolazione cristiana armena. Per la precisione, il Sultano sperava che Herzl, giornalista famoso, potesse mutare l’immagine, nell’opinione pubblica mondiale, del decrepito Impero ottomano. Francesco I ha fatto a pezzi quest’ennesimo mito sionista, per questo Israele vuole farlo saltare. Ci riuscirà? Il Vaticano è marcio alle fondamenta, Bergoglio non riuscirà a riformarlo e dovrà, ben presto, fare i conti con la dura realtà: arrendersi e conformarsi oppure accettare il proprio destino venendo eliminato politicamente magari dopo essere stato riempito di fango. Allora sì che il cristianesimo verrebbe umiliato e bisognerà, certamente, dolersene. L’imperialismo israeliano sancirà la sua sovranità su quel poco che resta dell’etica cristiana, un’etica comunitaria ed anti-tribale malgrado il cattolicesimo imperiale ed assolutistico. Tutto, arrivati a quel punto, finirà in un mare di letame.
https://comedonchisciotte.org/gerusalemme-nel-mio-cuore/
http://www.hispantv.com/noticias/palestina/360500/israel-ley-tierras-iglesias-cristianos-jerusalen